News

Pesca marittima: dopo il fermo, arriva l’indennità per i lavoratori del settore

“Il Decreto Direttoriale n. 19 del 26 novembre 2018 rappresenta senza dubbio un sostegno al reddito in favore dei dipendenti delle imprese adibite alla pesca marittima, ma le aspettative di sindacati e lavoratori,  dopo il Fermo Pesca Obbligatorio nell’anno 2017, erano maggiori”.

E’ quanto afferma il segretario generale di Confsal Pesca Bruno Mariani, che aggiunge: “E’ sempre un bene quando un aiuto economico a favore dei lavoratori si concretizza, di questo non possiamo che ritenerci soddisfatti. Ma lo siamo in parte se pensiamo – spiega Mariani – che le somme destinate a sopperire al fermo dell’anno scorso non coprono, in media, nemmeno due terzi delle perdite significanti fatte registrare dalle imprese designate alla pesca marittima”.

Il Decreto, a fronte di 2.365 istanze presentate tramite il sistema CIGSonline, autorizza la corresponsione di un’indennità giornaliera onnicomprensiva, pari a 30,00 euro, in favore di circa 7.600 lavoratori dipendenti da imprese adibite alla pesca marittima, compresi i soci lavoratori delle cooperative della piccola pesca, di cui alla Legge 13 marzo 1958, n. 250, i quali – nel corso dell’anno 2017 – hanno e ffettuato la sospensione dal lavoro, derivante da misure di arresto temporaneo obbligatorio delle attività di pesca, prescritte a vario titolo dalle competenti Autorità marittime.

Il Decreto è stato trasmesso al Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, ai fini della liquidazione delle indennità, nel rispetto della procedura prevista dalla Convenzione in essere tra lo stesso Ministero e l’INPS.